Mutui prima casa, via al Fondo statale da 650 milioni. Ecco chi può fare richiesta

9 Ottobre 2014 | da Il Sole 24 ORE
Mutui prima casa, via al Fondo statale da 650 milioni. Ecco chi può fare richiesta

Via al Fondo statale per i mutui prima casa. È stato firmato dal direttore generale del Tesoro, Vincenzo La Via e dal direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, il Protocollo di intesa per il nuovo Fondo di garanzia per la casa, previsto dal decreto interministeriale del 31 Luglio 2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 settembre scorso.

Come opera il nuovo Fondo - Il Fondo è volto alla concessione di garanzie nella misura massima del 50 per cento della quota capitale di mutui ipotecari, di ammontare non superiore a 250mila euro, per l'acquisto (o l'acquisto con interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica) di immobili, non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario.

Il Fondo, con una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di euro, che potranno attivare circa 20 miliardi di euro di nuovi finanziamenti, rappresenta un importante strumento di accesso al credito per la casa a favore dei cittadini, oltre che un immediato impulso alla crescita attraverso il rilancio del settore immobiliare, anche sotto il profilo dell'efficienza energetica. Il Fondo sostituisce e amplia il raggio d'azione del vecchio fondo “Giovani Coppie”, ora non più attivo.

Chi può fare richiesta - Possono fare richiesta delle nuove garanzie tutti coloro che, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non siano proprietari di altri immobili a uso abitativo salvo quelli acquisiti per successione mortis causa, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli. Ferma restando la facoltà della banca di erogare il mutuo, è previsto un tasso calmierato (tasso effettivo globale - Teg non superiore al tasso effettivo globale medio - Tegm, pubblicato trimestralmente dal Mef) per le seguenti categorie: le giovani coppie (in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni); i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori; i giovani di età inferiore ai trentacinque anni titolari di un rapporto di lavoro atipico; conduttori di alloggi di proprietà degli Iacp, comunque denominati. Il Protocollo fissa tempi certi per l'operatività del Fondo: le banche/intermediari finanziari hanno trenta giorni lavorativi, dal momento della loro adesione all'iniziativa, per erogare il servizio ai cittadini, a patto che la Consap, società del Mef gestore del Fondo, abbia predisposto da almeno 30 giorni lavorativi il manuale d'uso per l'accesso delle stesse banche all'infrastruttura telematica.

Domande direttamente in banca - Attivata la procedura, i cittadini potranno presentare le domande di accesso al Fondo direttamente alla banca/intermediario finanziario cui si richiede il mutuo ipotecario, utilizzando la modulistica che sarà resa disponibile sul sito del Dipartimento del Tesoro (www.dt.tesoro.it), sul sito della Consap (www.consap.it) e sui siti di tutte le banche/intermediari finanziari aderenti. Gli elenchi delle banche aderenti al Protocollo presso le quali sarà possibile richiedere le garanzie statali saranno disponibili sul sito della Consap SpA (www.consap.it), oltre che sul sito dell'Abi (www.abi.it).

 

Condividi questa notizia su:

Annunci in evidenza

  • mq 77
  • 3
  • Singola
  • 1
CENTRO - Splendida soluzione trilocale con giardino nel centro di Ponte di Legno. L’ appartamento è posto al piano terra ed è composto da: soggiorno con camino, cucinotto,...
rif. 241
€ 590.000
  • mq 562
  • 10
  • 5
  • 5
PALAZZO IN CENTRO - In centro al paese, nei pressi di tutti i servizi, vendesi compendio immobiliare composto da 2 ampi appartamenti quadrilocali indipendenti di mq 210 ciascuno e...
rif. 279
Info in ufficio
  • mq 0
  • 5
  • 1
  • 3
VILLA SINGOLA VISTA LAGO. - Inserita in un contesto di verde e quiete, proponiamo questa bella villa singola con vista lago. L'immobile, in ottimo stato di manutenzione, è suddiviso in...
rif. 207
€ 990.000

Seguici sui social

 

Brescia e Hinterland - Immobiliare Smussi
Immobiliare Smussi
Brescia e Hinterland

Via San Zeno, 32/a
25124 Brescia BS
Partita IVA: IT 02835680980
smussi@casabrescia.net
(+39) 030.2428103
(+39) 030.2428208

Lago di Garda - Il Ponte
Il Ponte
Lago di Garda

Via Fantoni, 30
25087 Salò BS
Partita IVA: IT 01888100987
avanzi@casabrescia.net
(+39) 0365.20114
(+39) 0365.1980955

Franciacorta e Ovest Bresciano - Obiettivo Casa
Obiettivo Casa
Franciacorta e Ovest Bresciano

Via Chiari, 20
25030 Castelcovati BS
Partita IVA: IT 03962680983
cavalli@casabrescia.net
(+39) 030.7080674

Lago d'Iseo e Franciacorta - Immobiliare il Maniero
Immobiliare il Maniero
Lago d'Iseo e Franciacorta

Via Ninfea, 110
25049 Iseo BS
Partita IVA: IT 03402260172
zaccagni@casabrescia.net
(+39) 030.9822034

Lago di Garda - Vivere il Garda
Vivere il Garda
Lago di Garda

Via Pergola, 43
25080 Moniga del Garda BS
Partita IVA: IT 02960470983
fontanella@casabrescia.net
(+39) 333.4328628

Hinterland di Brescia e Bassa Occidentale - Studio Immobiliare Sigalini
Studio Immobiliare Sigalini
Hinterland di Brescia e Bassa Occidentale

Via Orzinuovi, 6
25030 Lograto BS
Partita IVA: IT 03596900179
sigalini@casabrescia.net
(+39) 030.978180